• Filippo Passalacqua - Lavorazione dell'ottone - Sori
  • Isabella Coppola - Accessori moda - Savona
  • Alberto Monfrini - Gelateria - Genova
  • Sarah Gismondi - Oreficeria - Genova
  • Veronica Vipiana - Conserve - Finale Ligure
  • Francesca Olcese - Restauro - Genova
  • Mauro Garbarino - Legatoria - Genova
  • Martina Scasso - Accessori moda - Savona
  • Sara Fazio - Accessori moda - Varazze
  • Stefania Merano - Olive - Chiusavecchia
  • Alessandro Mombelli - Accessori moda - Bargagli
  • Michela Furfaro - Frantoiano - Vado Ligure

Accettate il Consiglio (2) - Al gran circo di Comune e Regione di Massimiliano Lussana

26 Novembre 2017

I maggiori protagonisti dei consigli comunale e regionale delle ultime settimane?

Sono indubitabilmente gli animali.

Di tutti i tipi.

Se il consigliere delegato al Waterfront del Comune Francesco Maresca è anche leader del Movimento animalista ligure, sfumatura rosso Maria Vittoria Brambilla, nei mesi scorsi i consiglieri della Lega sono riusciti a votare in tutti e tre i modi possibili (favorevoli, astenuti e contrari) su una legge regionale sull'uso degli animali nei circhi.

Ma, negli ultimi giorni, l'escalation è continua.

Ad esempio, l'assessore all'Ambiente Matteo Campora ha risposto alle domande del capogruppo di Direzione Italia Franco De Benedictis sull'aumento dei topi in città, sulle cause del fenomeno e sui possibili interventi per arginarlo. Con il sogno di ingaggiare anche a Genova il maggiore esperto mondiale di derattizzazione, che è italiano e che punta sulle esche con i sapori del territorio, una sorta di Dop delle esche, che a Genova potrebbero essere al sapore di pesto e basilico. E sempre di topi, e sempre in tandem con Campora, una sorta di Ratatouille di Palazzo Tursi, si è occupato il leghista Davide Rossi, con un intervento sulla "derattizzazione di via Asilo Garbarino e del giardino sottostante".

Ma anche la Regione non è da meno: se a Tursi si concentrano sui topi, in via Fieschi il consigliere leghista Franco Senarega e, di sponda,  l'assessore ai Trasporti Gianni Berrino e quello all'Agricoltura Stefano Mai, si occupano di "contrastare il punteruolo rosso delle palme nelle stazioni di Recco e Camogli", mentre l'ex pentastellato di "Rete a sinistra-LiberaMENTE Liguria Francesco Battistini" è attento al Bromadiolone in alcuni cinghiali abbattuti nel parco di Montemarcello Magra.

Per la cronaca il Bromadiolone è un potente antiocoaugulante utilizzato nella produzione di esche per la derattizzazione. Non si finisce mai di imparare.

Ma i cinghiali piacciono anche a Tursi, dove il piddino Mauro Avvenente, dalla statura etica e morale di un vecchio risorgimentale come testimoniano i suoi baffoni arricciati, ha chiesto lumi sulla presenza di ungulati in città e sulle misure che si intendono adottare per risolvere o mitigare il problema, particolarmente sentito dai residenti nei quartieri collinari.

A lui, Campora - che condivide con Mai il ruolo del direttore del circo istituzionale degli animali - ha replicato che è in previsione il ripristino della barriera anti-cinghiali al Peraltro.

E non sono mancati i dibattiti sull'ambito territoriale di caccia spezzino, nè quelli sulla funzione sociale dei cani giuda.

Insomma, benvenuti  al gran circo della politica.

Ma non è una metafora.

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI