• Marcella Diotto - Ceramica - Genova
  • Monica Bertieri - Abbigliamento e Arredo- Genova
  • Alessandro Boccardo - Cioccolato - Genova
  • Deborah De Santis - Abbigliamento - Savona
  • Alessandra Avenoso - Panificazione - Genova
  • Tiziana Sidoti - Abbigliamento - Genova
  • Sara Fazio - Accessori moda - Varazze
  • Conti Pasticceria (Dolci - Genova) con Carlo Denei
  • Giancarlo Faccio - Lavorazione del rame - Genova
  • Az. Agr. Damiano (Olive - Chiusavecchia (IM)) con Carlo Denei
  • Giovanni Giacobbe - Salumeria - Sassello
  • Isabella Coppola - Accessori moda - Savona

ACCETTATE IL CONSIGLIO (24) - Luca e Paolo, un sorriso in consiglio comunale di Massimiliano Lussana

14 Febbraio 2018

Inutile girarci attorno.

Chiaramente, per forza di cose, Paolo Putti e Luca Pirondini non potranno mai essere i migliori amici.

Perchè rappresentano due storie diverse e anche due ere geologiche diverse dell'essere pentastellati: Putti, primo capogruppo del MoVimento Cinque Stelle in consiglio comunale fino a pochi mesi dalla fine dello scorso mandato, nella fase più movimentista, del mondo "No gronda", dello spontaneismo e dei click dell'"Uno vale uno".

Pirondini, invece, viene da un'altra storia, dal MoVimento in versione Di Maio e, persino fisiognomicamente, è più istituzionale, musicista di musica classica almeno quanto Putti è educatore di comunità e di cooperativa sociale e lo dico con la massima stima per entrambe le professioni.

Lo dico anche con la massima stima umana per entrambi: sono persone miti, educate, perbene, con cui è un piacere confrontarsi, anche da posizioni diverse.

Insomma, nonostante tutte queste premesse, credo che in campagna elettorale, se avessero potuto cancellare un competitor dalle liste, Putti avrebbe scelto di cancellare Pirondini e viceversa.

Oggi siedono insieme in consiglio comunale: Luca insieme ad altri quattro compagni pentastellati nell'ultima fila della Sala Rossa e Paolo giusto la fila più avanti, capogruppo (di se stesso, vabbè) in Chiamami Genova, la lista che ha sommato le istanze dei pentastellati storici poi usciti dal MoVimento e della sinistra radicale.

E, pur mantendendo posizioni diverse su parecchi punti, hanno rapporti estremamente civili e, anzi, talora firmando documenti insieme, da quelli di Mauro Avvenente sulla tutela della lingua genovese e del ricordo del popolo tabarchino, a quelli sull'antifascismo.

E insieme attaccano giunta e maggioranza quando ritengono giusto attaccarla.

Quando si parlano, spesso, si strappano anche un sorriso.

Del resto, quando Luca e Paolo sono al massimo della forma, è difficile non sorridere.

Oppure, basta uscire dalla Sala Rossa ed andare pochi metri più in là, nella "buvettina".

Leggende metropolitane narrano che Luca e Paolo, una volta, abbiano anche preso il caffè a quella macchinetta.

"Camera cafè", per l'appunto.

 

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI