• Luca Damonte - Ceramica - Cogoleto
  • Claudia Rizzo - Filigrana - Campo Ligure
  • Isabella Coppola - Accessori moda - Savona
  • Deborah De Santis - Abbigliamento - Savona
  • Salvatore Scalia - Restauro strumenti musicali - Genova
  • Alberto Monfrini - Gelateria - Genova
  • Giovanna Parma - Abbigliamento sportivo - Ne
  • Monica Bertieri - Abbigliamento e Arredo- Genova
  • Carlo Bernat e Rosella Schiesaro - Ceramica - Savona
  • Filippo Passalacqua - Lavorazione dell'ottone - Sori
  • Osvaldo Benevelli e Rosannita Mariani - Gelateria - Arenzano

Accettate il Consiglio (65) - Il senatore fantasma di Massimiliano Lussana

08 Luglio 2018

Ci sono tre parlamentari che si sono persi.

E nessuno riesce a trovarli.

Funziona così: nonostante siano passati quattro mesi e quattro giorni dalla data delle elezioni, né la Camera dei Deputati, né il Senato della Repubblica hanno ancora provveduto a costituire le rispettive giunte delle elezioni, organi indispensabili per verificare i requisiti di eleggibilità dei rispettivi membri.

Quindi, anche quando viene a mancare per qualsiasi motivo un deputato o un senatore, non si sa chi metterci e il posto resta vacante.

È successo, come abbiamo raccontato in un precedente "Accettate il Consiglio", alla Camera con il leghista Massimiliano Fedriga, eletto presidente del Friuli-Venezia Giulia e quindi dimessosi per incompatibilità, e ora anche con un'altra leghista: Claudia Maria Terzi.

Anche lei ha salutato la compagnia dopo la nomina ad assessore regionale lombardo, carica incompatibile anch'essa con quella di deputato.

Ma anche lei non è stata sostituita e quindi il gruppo Lega di Montecitorio in questo momento ha due posti vacanti. I sostituti sanno che diventeranno parlamentari, ma non sanno quando.

Al Senato la vicenda è ancor più surreale.

Il MoVimento Cinque Stelle, infatti, in Sicilia ha fatto il pienissimo di senatori, eleggendo un rappresentante in più di quelli che erano i candidati, e ora si deve decidere dove andare a prendere l'eletto pentastellato che ancora non c'è.

Ma deve deciderlo la giunta per le elezioni, che nemmeno lei c'è.

E quindi il Senato resta senza un senatore, vero e proprio fantasma di Palazzo Madama.

Morale della favola: non c'è Rosatellum senza spine.

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI