• Maurizio Rossetti e Carmelo Sferlazza - Piante e aromi - Albenga
  • Alessandro Mombelli - Accessori moda - Bargagli
  • Ilaria Traverso - Ceramica - Genova
  • Daniele Capobianco - Accessori moda - Genova
  • Monica Bertieri - Abbigliamento e Arredo- Genova
  • Carlo Fornaio di Albaro (Panificazione - Genova) con Carlo Denei
  • Pasquale Fervorini - Bellezza - Genova
  • Carla Quaglia - Maglieria e Cashmere (Savona e Genova)
  • Miria Oliveri e Davide Oddone - Filigrana - Campo Ligure
  • Francesca Olcese - Restauro - Genova
  • Nicola Castelli - Oreficeria - Genova
  • Viviane Crosa - Confetture e sciroppi - Genova

Pubblicato il bando ISI INAIL 2018: contributi a fondo perduto fino al 65%

21 Dicembre 2018
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando pubblico Isi 2018 che ha diversi obiettivi: incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori ed anche ad incentivare le microimprese e le piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, ridurre il livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.
I fondi messi a disposizione da INAIL sono quasi 370 milioni di euro a livello nazionale, ripartiti in cinque linee di finanziamento, differenziati in base ai destinatari; assegnati fino ad esaurimento delle risorse finanziarie, secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande, sono a fondo perduto .Questa la loro ripartizione:
Asse 1 (Isi Generalista) euro 182.308.344,00 suddivisi in:
Asse.1.1 euro 180.308.344,00 per i progetti di investimento;
Asse 1.2 euro 2.000.000,00 per i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.
Asse 2 (Isi Tematica) euro 45.000.000,00 per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC).
Asse 3 (Isi Amianto) euro 97.417.862,00 per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.
Asse 4 (Isi Micro e Piccole Imprese) euro 10.000.000,00 per i progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (Ateco 2007 A03.1, C13, C14, C15).
Asse 5 (Isi Agricoltura) euro 35.000.000,00 per i progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, così suddivisi:
Asse 5.1 euro 30.000.000,00: per la generalità delle imprese agricole;
Asse 5.2 euro 5.000.000,00: riservato ai giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria.

Per gli Assi 1 (sub Assi 1.1. e 1.2), 2, 3 è concesso un finanziamento in conto capitale pari al 65% fino ad un massimo di 130mila euro; il finanziamento minimo ammissibile è pari a 5mila euro. Per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (sub Asse 1.2) non è fissato il limite minimo di finanziamento.
Per l’Asse 4 è concesso un finanziamento in conto capitale pari al 65% fino ad un massimo di 50mila euro; il finanziamento minimo ammissibile è pari a 2mila euro.
Relativamente all’Asse 5 (Asse 5.1 ed Asse 5.2) è concesso un finanziamento in conto capitale pari al 40% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole) e del 50% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori). Il finanziamento non potrà essere superiore a 60mila euro e non inferiore a 1.000.

Sono soggetti destinatari...
Asse 1 (sub Assi 1.1 e 1.2): per i progetti di investimento e per i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale sono esclusivamente le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018. Sono escluse: le micro e piccole imprese anche individuali, operanti nei settori Pesca (codice Ateco 2007 A03.1) e Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007 C13, C14 e C15); le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.
Asse 2: per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi i soggetti destinatari dei finanziamenti sono: le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al Registro delle Imprese o all’albo delle imprese artigiane, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018; gli Enti del terzo settore in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018.
Non sono destinatarie dei finanziamenti per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi: le micro e piccole imprese anche individuali, operanti nei settori Pesca (codice Ateco 2007 A03.1) e Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007 C13, C14 e C15); le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.
Asse 3: per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto i soggetti destinatari dei finanziamenti sono esclusivamente le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018.
Non sono destinatarie dei finanziamenti per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto: le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.
Asse 4: per i progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività i soggetti destinatari dei finanziamenti sono esclusivamente le micro e piccole imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018 operanti nei settori Pesca (codice Ateco 2007 A03.1) e Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007 C13, C14 e C15).
Asse 5: per i progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli i soggetti destinatari dei finanziamenti sono esclusivamente le micro e piccole imprese, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese o all’Albo delle società cooperative di lavoro agricolo, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018 nonché della qualifica di imprenditore agricolo di cui all’articolo 2135 del codice civile e titolari di partita IVA in campo agricolo, qualificate come: impresa individuale, società agricola, società cooperativa.
Le imprese destinatarie dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori) devono inoltre avere al loro interno la presenza di giovani agricoltori come indicato dall’Avviso pubblico ISI 2018.
 
La presentazione delle domande dovrà avvenire, come per le edizioni precedenti del bando, solo in modalità telematica per mezzo di una procedura articolata in tre fasi: compilazione della domanda nella sezione “Servizi online” del sito Inail dall’11 Aprile 2019 fino alle ore 18 del 30 Maggio 2019; inoltro della domanda online nel giorno di apertura dello sportello informatico (il cosiddetto “click day”), che sarà comunicato sul sito dell’Istituto a partire dal 6 Giugno 2019; conferma della domanda online da parte delle imprese ammesse al finanziamento con l’invio della documentazione necessaria per la specifica tipologia di progetto.

Informazioni 
Luca Mafrici, tel. 0187.286649, servizi@confartigianato.laspezia.it
Enrico Taponecco, tel. 0187.286632, sicurart@confartigianato.laspezia.it
 

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI